Dina Cucini

Palio vampa del dinamismo senese

Sul cuore i colori/ spavaldamente accesi della mia contrada/ e la mia fiamma a brividi di ardore/ ansiosità repressa/ spasimo d'attesa camuffata/ di finta calma a movimenti queti/ sbandierata a sfiocchi larghi sulla seta/ alto guizzante a crepitii sonori./ Amorosi fruscii palpitamenti/ a schiocchi rapidi lucenti/ di chiara chiara aria arroventata/ di passione compressa straripata/ in guizzi balenii/ d'occhisguardirespiri ubriacati/ d'innamorato orgoglio dilatato/ al gioco inimitabile./ Armoniosa fiera grazia a mezzi giri/ a mezzi passi/ a braccio ad ansia a spiegamenti tesi/ febbre colori ansiosità lanciati/ alti col fiocco a gareggiar col vento./ Il Duomo sfuma/ il bianconero anelito di cielo/ in pinnacoli mistici marmorei/ a intagli leggiadrie di fresca spuma/ e colonnette trifore perfette/ ma Siena avvampa la ridesta vita/ dai silenziosi oblii dei muti vicoli scattata/ con incalzante furia esasperata/ a rullio di tamburi sulla dura/ anima trecentesca/ arsa di giallo tufo scalpitato/ d'impazienza pressata a mortaretti/ scoppianti in petto ai cuori accelerati/ imboccati alla Piazza traboccante./ Chiaro fresco zampillo di chiarine/ sbocciate sulla pista a sventolare/ urla d'amore e d'odio/ a guizzi di colore inalberato/ alla passione ritmica di Sunto./ La Martinella/ a lento tocco tinnulo nell'afa/ scande il cammino della nostra attesa/ delirata di spasimo compresso/ a sospiri profondi dolorati./ Presto dacci lo scoppio liberante! -/ Affanno scolorato in tremito convulso/ all'arco scuro del Comune in volta/ sbocca la nostra sete scalpitante/ in eterna e vibrante muta ansia al canape/ Via, vvia, vvviaaa! che ci scoppia il cuore a/tonfi sordi/ e nella gola stretta ci martella/ l'impossibile urlo/ appeso al retto canape arginante./ Attimi lunghi sulle mute bocche/ a ondate di silenzio mareggiato/ di bianche facce all'angolo converse/ a denti stretti e pugni chiusi dentro/ serrando la marea saliente/ a vampe dalla Piazza conchigliata/ di follia parossissima pressata/ a vibrazioni a balzi e ondulamenti/ di giallo rosso verde blu guizzanti/ irrequietissimi presaghi/ di demenza magnetica alitata/ dai fiatiocchi fissi elettrizzanti/ in brividi scorrevoli/ ai garetti avidissimi alle froge/ all'indogliata bocca sanguinante/ dei cavalli rampanti/ in rossa furia al cozzo/ del petto sulla fune, e all'urto/ alto s'impenna e sulla pista/ la liberata furia si scatena/ ad urlo uurlo uuurlo/ di demenza precipite abbrancata/ a nudo pelo di criniera in corsa/ in triplice vertigine ululata/ a spira travolgente scatenata/ in galoppo furioso ebbro nerbante/ ferocemente a sangue/ sangue stillando e sulla svolta a morso/ sciolto di briglia il Palio strappa a scoppio/ di ridestata quiete trasognata/ in largo respirare di bandiere/ e ricantare fresco della Fonte.

Pubblicato da Litteratour