Federigo Tozzi

Cose

La campana. Le statue innumerevoli biancheggiavano sulla facciata della Cattedrale. Sul sedile di pietra presso la porta dello spedale un medico vestito con la sua cappa bianca chiacchierava con una infermiera. Dentro la porta illuminata si intravedevano le lapidi antiche e un bassorilievo scolpito sopra un sepolcro sopra una parete. In alcune finestre, si vedevano i lumi a petrolio coperti da paralumi di carta, che trasparivano gialli. Il palazzo arcivescovile era silenzioso e diserto. Dinanzi, su la scala del Duomo, la lupa emergeva dell'oscurità, sopra la sua colonna alta e snella. Nei triangoli delle cuspidi i mosaici erano scomparsi.

Pubblicato da Litteratour