L'umore nei luoghi

litteratour website

L'umore nei luoghi

Antonio Tabucchi

Sostiene Pereira

Sostiene Pereira di averlo conosciuto in un giorno d'estate. Una magnifica giornata d'estate, soleggiata e ventilata, e Lisbona sfavillava. [...] Quel bel giorno d'estate, con la brezza atlantica che accarezzava le cime degli alberi e il sole che splendeva, e con una città che scintillava sotto la sua finestra, e un azzurro, un azzurro mai visto, sostiene Pereira, di un nitore che quasi feriva gli occhi, lui si mise a pensare alla morte. Perché?

Pubblicato da edoardo

L'umore nei luoghi

Bobo Rondelli

Madame Sitrì

Viaggio d'andata senza ritorno bella Livorno, mi fermo qui verso l'inferno o il paradiso come al bordello di Madame Sitrì

Pubblicato da edoardo

L'umore nei luoghi

Marino Moretti

A Cesena

Piove. È mercoledì. Sono a Cesena, ospite della mia sorella sposa, sposa da sei, da sette mesi appena. Batte la pioggia il grigio borgo, lava la faccia delle case senza posa, schiuma a piè delle gronde come bava. [...]

Pubblicato da edoardo

L'umore nei luoghi

Carlo Emilio Gadda

Quer pasticciaccio brutto de via Merulana

Via Merulana 219, scala A, piano terzo. Il palazzo dell'Oro, o dei pescicani che fusse, era là: cinque piani, più il mezzanino. Intignazzato e grigio. [...] Una di quelle grandi case dei primi del secolo che ti infondono, solo a vederle, un senso d'uggia e di canarinizzata contrizione: be', il contrapposto netto del color di Roma, del cielo e del fulgido sole di Roma.

Pubblicato da edoardo

L'umore nei luoghi

Paolo Volponi

La strada per Roma

- E il mare di Urbino com'è? - E' più bello, come tutto a Urbino. - E' vero; perché il mare di Urbino va avanti e indietro, sale e sparisce secondo l'umore. [...]Tocca qualcosa che è vicina, ma mai prossima; [..]. Arriva solo fino all'ultimo gradino del paesaggio e lì esaurisce la sua spinta, lascia un poco di spuma tra le vigne e poi torna indietro.

Pubblicato da edoardo

L'umore nei luoghi

Lucio Dalla

Piazza Grande

E se non ci sarà più gente come me voglio morire in Piazza Grande, tra i gatti che non han padrone come me attorno a me.

Pubblicato da edoardo

L'umore nei luoghi

James Joyce

Gente di Dublino, Due ragazzi intraprendenti

I due giovanotti proseguirono per la loro strada senza dire niente, seguiti da quella musica malinconica. All'altezza di Stephen's Green attraversarono la strada. Il rumore dei tram, le luci, la gente, rendevano meno pesante il loro silenzio.

Pubblicato da edoardo

L'umore nei luoghi

Cesare Pavese

La luna e i falò, cap. IX

Invece traversai Belbo, sulla passerella, e mentre andavo rimuginavo che non c'è niente di più bello di una vigna ben zappata, ben legata, con le foglie giuste e quell'odore di terra cotta dal sole d'agosto.

Pubblicato da edoardo

Table of Contents